Al laico!

Lo presenterà il giudice Nicola Lettieri, rappresentante del governo italiano presso la Corte Europea, che nelle prossime settimane sottoporrà il ricorso a un mini-tribunale di 5 giudici, i quali decideranno l’ammissibilità alla Grande Chambre.
Nel ricorso, spiega Lettieri, “sottolineeremo che noi non siamo uno Stato laico, ma concordatario, come sancito dall’articolo 7 della Costituzione, e che quindi ha rinunciato ad alcune delle sue prerogative”. (fonte)

E’ vero, ma a metà. Come al solito. Leggiamo l’articolo 7.

Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani.
I loro rapporti sono regolati dai Patti Lateranensi. Le modificazioni dei Patti, accettate dalle due parti, non richiedono procedimento di revisione costituzionale.

Come si evince da questo articolo, la Costituzione sancisce l’indipendenza biunivoca tra Stato e Chiesa, condizione primaria per stabilire la laicità dello Stato italiano, ma andiamo per gradi. Le modificazioni dei Patti sono avvenute per mezzo dell’Atto concordatario del 18 febbraio 1984, nel quale vengono riportate diverse norme che stabiliscono i casi in cui Stato e Chiesa devono interagire, rispettando le regole dell’uno e dell’altra.
La grave dimenticanza del giudice Lettieri è la sentenza della Corte Costituzionale numero 203 del 1989, che sancisce i principii di laicità del nostro Stato. E lo fa in questo modo.

4. – I valori richiamati concorrono, con altri (artt. 7, 8 e 20 della Costituzione), a strutturare il principio supremo della laicità dello Stato, che é uno dei profili della forma di Stato delineata nella Carta costituzionale della Repubblica.

Il principio di laicità, quale emerge dagli artt. 2, 3, 7, 8, 19 e 20 della Costituzione, implica non indifferenza dello Stato dinanzi alle religioni ma garanzia dello Stato per la salvaguardia della libertà di religione, in regime di pluralismo confessionale e culturale. Il Protocollo addizionale alla legge n. 121 del 1985 di ratifica ed esecuzione dell’Accordo tra la Repubblica italiana e la Santa Sede esordisce, in riferimento all’art. 1, prescrivendo che <si considera non più in vigore il principio, originariamente richiamato dai Patti lateranensi, della religione cattolica come sola religione dello Stato italiano>, con chiara allusione all’art. 1 del Trattato del 1929 che stabiliva: <l ‘Italia riconosce e riafferma il principio consacrato nell’art. 1o dello Statuto del regno del 4 marzo 1848, pel quale la religione cattolica, apostolica e romana é la sola religione dello Stato>.

La scelta confessionale dello Statuto albertino, ribadita nel Trattato lateranense del 1929, viene cosi anche formalmente abbandonata nel Protocollo addizionale all’Accordo del 1985, riaffermandosi anche in un rapporto bilaterale la qualità di Stato laico della Repubblica italiana.

Quindi più che concordatario – che è pure cacofonico -, direi che lo Stato italiano è uno stato laico. Almeno su carta, ovvio.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *