Il suo mestiere ideale

Daniela Santanché è il nuovo portavoce della Destra. Come parole, ovviamente, il test è stato superato a pieni voti.

«non siamo un partito moderato, siamo un partito incazzato, con la bava alla bocca, che non darà tregua a chi tradisce» […]
Meno di pancia e di cuore il riferimento ai colonnelli (ridefiniti «dalle palle di velluto ») e a Fini che «mi ha deluso perché ha paura delle donne, perché non crede nella meritocrazia e ti fa sentire come se l’unico intelligente in giro fosse lui» […]
«Quelle esperienze non le ho vissute per ragioni anagrafiche,maio sono sempre stata una di destra. Una che qui ha trovato casa, perché posso finalmente fregarmene del politically correct»
(fonte Corriere.it)

Una sorta di Boia chi molla del terzo millennio, praticamente. Tante le stronzate che neanche i pantaloni hanno retto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *