Mi ha letto in test

Leggevo un recente post di Andrea Beggi, che segnala questo test. Anch’io, come lui, noto la perfetta assonanza delle caratteristiche della mia personalità riportate nel risultato (a parte le frasi in grassetto).
Se qualcuno di voi – che mi conosce almeno un po’ – non ci vede qualcosa di vero me lo dica, perché io sottoscrivo a pieno.

Orientamento Funzione dominante Funzione d’appoggio Funzione terza Funzione inferiore Tendenza
Estroverso Sentimento Sensazione Intuizione Pensiero Giudicante

Il tipo estroverso sentimento è principalmente interessato alle persone e a mantenere delle relazioni armoniose. E’ generalmente una persona molto sensibile ai sentimenti e ai bisogni della gente. Sente un forte bisogno di aiutare gli altri e di rendersi gradevole. Ha difficoltà a dire di no quando gli viene chiesto qualcosa. Allo stesso tempo è anche molto sensibile ai complimenti: ha bisogno di sentirsi apprezzato. Può essere una persona che si offende abbastanza facilmente e può prendere decisioni drastiche come troncare un rapporto se reputa di essere stato trattato ingiustamente. Ha la tendenza a prendere le cose in maniera eccessivamente personale. E’ una persona generosa e leale con un il grande dono di simpatizzare con gli altri. E’ un ottimo amico, capace di farsi in quattro per le persone a cui vuole bene. Attribuisce un grande valore alla famiglia e all’amicizia. Può a volte essere un po’ rigido nel valutare le cose in termini di giusto o sbagliato, bianco o nero. Ama i beni materiali e le attività fisiche all’aperto. E’ capace di dedicare molta energia a opere caritatevoli, al volontariato o comunque ad aiutare gli altri a risolvere i loro problemi. E’ una persona vivace, pragmatica e con i piedi per terra. E’ anche una persona organizzata ed efficiente. Ha generalmente un marcato senso del dovere. Dato che la sua funzione inferiore è il pensiero, tende a non valutare le situazioni con logica e obiettività. Questa relativa mancanza di senso critico può portarlo a sopravvalutare o idealizzare le persone o le situazioni. Oppure a essere a disagio nel prendere decisioni che richiedono un buon distacco analitico. Questo tipo inoltre non è un amante dei cambiamenti. Tende a essere un tradizionalista che preferisce continuare a fare le cose che conosce e che sa fare. Ha quindi difficoltà ad affrontare le novità, come per esempio cambiare lavoro. Questa sua caratteristica lo porta ad apprezzare e ad adattarsi molto bene alla routine e alle attività regolari. Sul piano lavorativo è portato per le posizioni che comportano delle frequenti relazioni con le persone come le posizioni di vendita, l’insegnamento, l’assistenza clienti oppure posizioni in campo sociale. E’ anche molto sensibile ai beni materiali. E’ molto abile nelle relazioni. E’ in grado di creare un eccellente clima di cooperazione e di portare gli altri a raggiungere gli obiettivi prefissati.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *