Incongruenze estive

Certa gente è già andata in vacanza e io quest’anno non ho nemmeno affittato l’ombrellone.

In televisione ho seguito molto attentamente un servizio in cui si parlava di alimentazione estiva: pasti freschi, molta frutta e verdura, acqua a volontà e bibite non gassate. A mensa, puntualmente, ci deliziano con: peperoni al forno, spezzatino, bistecca di maiale, gnocchi. Che se fosse il 1° dicembre avrebbero fatto il fumo. Ma ora no.

Luglio è periodo di lauree: tutti incravattati e ingiacchettati i maschietti, tutte a passera da fuori le femminucce. Sappiate bene che, se Dio mi assiste, questo stesso mese – targato 2008 – sarà anche il mio mese di laurea. Però, qui lo dico e qui lo nego, discuterò la tesi in shorts di lino e camicia sbottonata fino al secondo bottone. Come nel quotidiano, praticamente.

La legge di Murphy sui problemi dice che per ognuno che ne risolvi ce ne sono sempre due che ne nascono. Leggasi questa frase come la bibbia di un rappresentante di corso di laurea. Quando pensi che s’è tutto sistemato, allora ecco spuntare l’apocalisse.

Cerco su Wikipedia argomenti relativi alla televisione e mi ritrovo a leggere frasi del tipo:

Ha sede a Pescara. Il giornlista di punta è il mitico Franco Farias, che si occupa tra l’altro delle bellissime, ma poco conosciute iniziative culturali abruzzesi. Altri volti noti del notiziario sono Antimo Amore, Nino Germano, Donatella Speranza, Lucio Valentini, Francesco Totoro, che con il loro fare rassicurante, allietano le giornate degli abruzzesi sintonizzati su Rai Tre. Il Tg regionale abruzzese sta diventando negli ultimi anni un vero e proprio feticcio, soprattutto per quella particolare minoranza di persone nata tra il 1979 e il 1987, che non si riconosce nell’attuale mito giovanile della discoteca “vip” del sabato sera, ma preferisce partecipare agli avvenimenti artistico – culturali pubblicizzati dal TG stesso.

Bah.

Gira voce tra le donne di Coppito – almeno quelle che si relazionano col sottoscritto – che il vostro Carissimo sarebbe uno stronzo con le ragazze. Lo affermano fonti certe e ben informate. Così dicono, almeno.

Ora capisco perché quotidianamente Studio Aperto ci ricorda che fa caldo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *